Spiegazione della pie-chart contenutistica di GeekGamer

checosequesto

La pie chart “distribuisce” ogni singola caratteristica del gameplay su una scala da 1 a 5. Noi di GeekGamer.it siamo convinti, infatti, che non esista gioco senza esperienza di gioco – il gameplay, appunto – e che, di conseguenza, debba essere analizzata e vLinearitàalutata l’esperienza in sé prodotta dall’interazione giocatore/gioco.

Linearità

Gli eventi di gioco non variano o variano in modo irrilevante da partita a partita. La meccanica consiste, in questo caso, nel seguire o nel produrre la sequenza di eventi prestabilita dal game designer, in modo da progredire. La linearità rende un gioco, una volta concluso, prevedibile e ripetitivo, incidendo così negativamente sulla sua rigiocabilità.

ESEMPIO POSITIVO: THE DAY OF THE TENTACLE

Esempio negativo: CIVILIZATION IV

Interazione

L’interazione viene consolidata e rinforzata da vari fattori: i gradi di libertà data dalle meccaniche, le opportunità di azione presenti nell’ambiente di gioco, la fruibilità dei comandi. Solitamente, l’interazione favorisce il coinvolgimento del giocatore, in particolare quando il game design fornisce “tante cose da fare”, nonché un ventaglio di azioni e di opportunità ambientali per realizzarle.

ESEMPIO POSITIVO: qualche RPG open-world (The Witcher 3, Skyrim, Gta)

Esempio negativo: Call of Duty o qualsiasi FPS pilotato

Coinvolgimento

Il coinvolgimento ha luogo quando il gameplay produce emozioni nel giocatore. La gamma delle emozioni può davvero essere ampia e riguardare vari elementi del gameplay (storia, personaggi, ambienti, risultati, grafica, sonoro). Di quali emozioni stiamo parlando? Per esempio, frustrazione o gratificazione verso i risultati, piacere estetico (disinterassato), ansia, paura, empatia.

ESEMPIO: si potrebbe inserire un survival horror (SILENT HILL II)

Esempio negativo: un gioco come Watch_Dogs,  o comunque giochi pieni di fillers che li rendono noiosi

Condivisione

Parliamo di condivisione quando ci muoviamo in un ambiente condiviso e  ha la possibilità di interagire/comunicare con gli altri giocatori. Essa è favorita quando si può collaborare con altri giocatori per ottenere obiettivi comuni e quando le proprie azioni influenzano in modo determinante le azioni dell’altro. Ne consegue che un mondo condiviso dove i giocatori si ignorano bellamente e possono giocare benissimo senza alcuna interazione è un gioco che non favorisce il coinvolgimento condiviso.

ESEMPIO positivo: qualche sparatutto tattico, oppure il multiplayer di The Last of us, o ancora qualche MMORPG.

Esempio negativo: un qualsiasi gioco con modalità solo single, come Wolfenstein o Bioshock

Narrazione

Con questo termine non intendiamo solamente la qualità della storia raccontata dal gioco, ma anche il coinvolgimento che essa produce, vale a dire quanto attrae il nostro interesse. Tale interesse va valutato in base alla capacità della storia di indurre nel giocatore dei quesiti (“Che cosa accadrà?”, “In che mondo mi trovo?”) le cui risposte possono essere trovate solo progredendo nel gioco. Un game design che vuole narrare una storia deve bilanciare la parte ludica (le sfide da superare per andare avanti la storia) con quella narrativa (disporre elementi, di solito ottenibili dopo il superamento della sfida, che possano sia rispondere ad alcune domande che sollecitarne delle altre, in modo da tenere vivo l’interesse del giocatore). Per avvertire coinvolgimento narrativo non è necessario che il gioco abbia una narrativa progettata, ma il giocatore può essere interessato anche ad una narrativa emergente, ovvero la storia che il giocatore crea da sé pensando o ripensando agli eventi di gioco.

ESEMPIO positivo: Half-life 2

Esempio negativo: per esempio giochi privi di narrazione come SimCity o Minecraft

Townscaper è il videogioco di cui hai bisogno e non lo sai

Su GeekGamer.it siamo soliti viaggiare lungo binari un po’ più obliqui e sotterranei rispetto alla media del cosiddetto giornalismo videoludico. D’altra parte, i veri tesori si nascondono là dove non li si va a cercare. Mentre sullo sfondo del web in fiamme impazzano le discussioni relative all’ennesimo filmone interattivo AAA, preferiamo segnalarvi piuttosto un delizioso prodottino indipend...[Read More]

“Te lo regge Crysis?” Il ritorno di un classico (suo malgrado)…

I giovanissimi tra i lettori forse non lo ricorderanno, ma nell’ormai lontano 2007 la domanda “Te lo regge Crysis?” (o similari) correva sulle bocche di chiunque discutesse con gli amici le specifiche di un PC appena acquistato. Lo shooter sviluppato da Crytek rappresentava per i tempi l’apice dell’avanguardia grafica, che si traduceva però in uno sfruttamento implaca...[Read More]

Magic the Gathering: Arena – Il Set Base 2021

A quanto risulta da una rapida indagine sul web, le temperie che hanno momentaneamente travolto Wizards of the Coast nelle scorse settimane – in seguito alla scelta di eliminare dal proprio database un certo numero di carte considerate razziste – sembrano essere state dimenticate molto in fretta, sull’onda dell’attesa pubblicazione del nuovo Set Base 2021. L’espansion...[Read More]

Facebook compra Ready at Dawn gli sviluppatori di The Order 1886

Nelle ultime ore è stato ufficializzato l’acquisto del team indipendente Ready at Dawn da parte di Facebook, probabilmente dopo il proficuo rapporto di collaborazione che ha portato alla nascita di Lone Echo, Echo Arena ed Echo Combat. Questa partnership ha portato il gigante dei social alla decisione di far proprio il talento di questi sviluppatori, in vista di futuri progetti con Oculus St...[Read More]

NOSE, il Soulslike indie di un talentuoso game designer scartato da From Software

NOSE è il prototipo di un soulslike realizzato da uno sviluppatore giapponese affamato di voglia di essere riconosciuto dai suoi beniamini.

Di tutto un po’ #02: di Baldur’s Gate III, Cyberpunk 2077, e del tedio di EA

Mentre i social sono rimasti intasati dalle tragicomiche vicissitudini relative al lancio di The Last of Us: Part II (sottotitolo originale: Ennesima Multinazionale Americana Eietta Film Interattivi Feticizzando Minoranze in 4k per Simulare Consapevolezza ed Empatia), il pianeta per fortuna ha continuato a girare e l’industria videoludica è andata avanti nonostante tutto. Microsoft e Sony co...[Read More]

Panzer Dragoon: Voyage Record – La serie di Panzer Dragoon approda ai giorni nostri in un’antologia per la realtà virtuale

Panzer Dragoon: Voyage Record, ovvero come la serie di Panzer Dragoon approda ai giorni nostri in un'antologia per la realtà virtuale!

Persona 4 Golden è disponibile su Steam

Come avevamo già annunciato giorni fa, SEGA e Atlus hanno pubblicato Persona 4 Golden, l’ormai non-più esclusiva PS Vita, sul catalogo digitale di Valve. Steam si arricchisce così di uno dei più celebrati e apprezzati JRPG della scorsa generazione, baciato dal supporto all’alta risoluzione e, FINALMENTE, dalla doppia traccia audio tramite canali ufficiali. In precedenza per poter gioca...[Read More]

Baldur’s Gate III: annunciato l’early access per agosto (forse…)

Lo avevamo anticipato qualche giorno fa, e oggi è ufficiale – o quasi: Baldur’s Gate III di Larian Studios sarà disponibile in early access su Steam e Google Stadia a partire dal prossimo agosto. Lo ha annunciato poche ore fa la casa di produzione belga, accompagnando la dichiarazione con un trailer nuovo di zecca e un video di aggiornamento relativo alle attuali condizioni dello svilu...[Read More]

PlayStation 5, ossia la biopsia di una console (cit.)

La presentazione ufficiale di Playstation 5 è apparsa senza dubbio roboante e funambolica, ma anche altrettanto povera di contenuti d'impatto

Kadokawa annuncia (a sorpresa?) RPG Maker MZ

Ad essere del tutto onesti, la notizia circolava in forme semiclandestine già un paio di giorni fa, ma oggi è arrivata la conferma ufficiale da parte di Degica Games e Kadokawa Corporation: un nuovo tool della serie RPG Maker, dal titolo RPG Maker MZ, è previsto per l’estate 2020 su PC e prevede anche il supporto in lingua italiana. La pagina Steam ufficiale non riporta per il momento alcuna...[Read More]

Playstation 5: un curioso servizio di “assistenza giocatori”?

Mentre attendiamo con ansia che Sony ci metta a parte delle sue decisioni a proposito dell’agognata Playstation 5, alcune anteprime rivelate da The Gamepost sembrano confermare la presenza di un interessante “servizio” previsto all’interno dell’UI della nuova console. Le immagini che accompagnano la registrazione ufficiale dei brevetti relativi al design dell’in...[Read More]