Ritorno di fiamma

Dopo essere stato deluso dal quinto capitolo della serie Forza Motorsport, attendevo con ansia l’uscita della sesta edizione di quello che ormai è considerato quasi unanimemente il miglior gioco di guida presente su console. Gli immensi sforzi fatti per surclassare quello che in tempo addietro era considerato il meglio, ovvero Gran Turismo, sono evidenti, ma sarà riuscita Turn 10, che proprio quest’anno festeggia, assieme a Microsoft il decimo anniversario del suo fortunato franchise, a centrare il bersaglio? Forza 5 è stato senz’ombra di dubbio il capitolo peggiore della serie, soprattutto perché era stato spogliato di molte funzioni presenti nei prequel. Molti lo considerando ancora oggi una brutta copia del quarto episodio, col solo merito di vantare una grafica pompata dall’hardware di Xbox One. La quinta iterazione ha pagato anche lo scotto di essere stata sacrificata sull’altare del lancio della nuova console della casa di Redmond, deludendo i fan della serie – me compreso – anche e soprattutto a causa di un odioso sistema di microtransazioni utili a sbloccare nuove vetture e tracciati.

Attendevamo tutti con trepidazione questo nuovo episodio per capire se Turn 10 fosse in grado di rialzarsi dopo questo passo falso oppure se avrebbe consegnato un’altra volta un titolo fotocopia che ci avrebbe fatto rimpiangere i fasti dell’eccelso Forza 4, sicuramente il titolo più riuscito della serie. Almeno fino a oggi.

forza motorsport 6 img

Piove sul bagnato

forza motorsport 6 img000Forza Motorsport 6 titilla da subito le retine dei giocatori con la sua maestosità grafica, che nel momento in cui scrivo si eleva di qualche metro sopra tutto quello che fino a oggi ho visto su Xbox One. Chi ha provato Drive Club o Project Cars potrebbe pensare di non potersi più stupire del livello del dettaglio estetico di un videogioco di questa generazione, ma Forza 6 supera lo standard settato dai competitor con una serie di aggiunte che lo rendono ancor più piacevole da guardare. La caratteristica grafica che balza subito agli occhi è la simulazione della pioggia, accompagnato anche dalla conseguente resa bagnata dei tracciati. Pozzanghere incluse. Questo aspetto, oltre a risultare innovativo e stupefacente alla vista, va a influire anche sulla simulazione stessa, in quanto la simulazione del fenomeno dell’aquaplaning diventa una componente integrante della gara. Il rischio di finire su una pozzanghera e perdere il controllo è dietro a ogni curva. L’unica pecca di tutto ciò, a parte aver reso l’effetto bagnato un po’ meno realistico rispetto a quanto visto in Forza Horizon 2, è che comunque le zone pericolose sono precalcolate, quindi le troverete sempre nelle stesse posizioni del tracciato e, alla lunga, basterà ricordarsi come evitarle oppure sfruttarle a proprio vantaggio, facendoci finire sopra un avversario particolarmente ostico. Un altro elemento sbandierato da Turn 10 come novità in questo capitolo è la corsa in notturna, che, per quanto sia impressionante visivamente, non è dinamica, per cui non influisce sul gameplay in nessuna maniera, è solo un bel tocco grafico, ma niente di rivoluzionario.

Essendo uno di questi posso confermarlo: gli appassionati di questa tipologia di titoli hanno solo una cosa in mente, ovvero il numero di macchine che si possono ottenere e con le quali è possibile cimentarsi in frenetiche corse fatte di derapate e sportellate. E anche in questo senso si rimane in ottime mani, perché Forza 6 mette a disposizione un parco macchine di tutto rispetto; la produzione Microsoft Studio annovera circa 450 vetture, ma ottenerle tutte significa dire aver speso più soldi nel gioco in fase di preordine. Almeno questa volta non sono presenti le odiose microtransizioni per sbloccare le vetture, infatti è con i crediti con cui si è ricompensati che il meccanismo è replicato. Certo, il numero è sicuramente impressionante, considerando che è più del doppio rispetto ai capitoli precedenti, ma bisogna anche notare che molte di esse sono riciclate spudoratamente dai Forza usciti su Xbox 360. Ciononostante vi sfido a capire quali siano, vista l’ingente mole di auto che possono popolare il garage. I circuiti, invece, sono stati ampliati, ma in misura inferiore rispetto alle vetture. Si parla di 25 tracciati sui quali gareggiare, comprensivi di varianti dei singoli tracciati, con l’inserimento di 9 piste inedite, tra le quali spiccano Daytona e Monza, tanto cara a noi italici corridori.

forza motorsport 6 img001

Garage multipiano

Torna anche l’amato/odiato Drivatar, ormai una costante della serie. Sinceramente, dal punto di vista della simulazione, non posso affermare di amarlo molto. I piloti generati sulla “genetica digitale” di giocatori reali sono fin troppo imprevedibili. Il sistema sostanzialmente rende il gioco più “caldo”, eliminando le fredde IA e inserendo gli avatar di giocatori reali, ma il problema è quello che avevo già riscontrato neli capitoli 4 e 5: se un giocatore reale guida come un pazzo furioso, il suo Drivatar fa altrettanto, con conseguente anarchia delle gare. Anche grazie a velenosi feedback di giocatori che si erano rotti le scatole di vedersi buttar fuori pista da un Drivatar idiotizzato, Turn 10 deve aver individuata questa eventualità, per cui in Forza Motorsport 6 è stata introdotta la possibilità di scegliere due stili di “simulacri” diversi: uno basato sulle versioni precedenti e uno di nuova generazione che dovrebbe appianare le folli imprese dei guidatori da strapazzo. Ad oggi e a così pochi giorni dall’uscita del gioco (ricordo che la versione più costosa ha permesso di mettersi al volante virtuale già dal 10 settembre), non sono stato in grado di valutare se questa nuova opzione abbia veramente modificato il comportamento degli avversari.

forza motorsport 6 gifUna nuova importante funzionalità è quella chiamata Mods, che sembra sembra essere stata ispirata dagli Skulls di Halo. Sostanzialmente, permette di guadagnare punti bonus mediante l’esecuzione con successo di tecniche avanzate di guida, come ad esempio sfruttare una scia o compiere un giro perfetto. Mods si applica solo al single-player, ma è un modo intelligente di spronare il giocatore a compiere determinati virtuosismi al volante che normalmente nulla imporrebbe di compiere, sfaccettando la curva di apprendimento. Tornando sempre al single-player, quello che impressiona anche in Forza 6 è l’enorme quantità di contenuti.

Per una volta tanto, la modalità Carriera di un gioco moderno risulta molto avvincente, regalando a coloro che non amano particolarmente il gioco online, come il sottoscritto, la possibilità di accedere a una storia lineare che lo porterà a ripercorrere dieci anni di Forza Motorsport attraverso macchine e circuiti storici della serie, comprese competizioni automobilistiche di epoche passate. Il voice acting dei commentatori si è arricchito di un sacco di personalità del giornalismo televisivo e radiofonico, ma manca, dopo la sua cacciata da Top Gear per aver dato un pugno a un produttore della BBC, Jeremy Clarkson. Il comparto multiplayer ha visto relativamente pochi cambiamenti rispetto ai capitoli precedenti, anche se i fan possono finalmente salutare il ritorno di alcune modalità presenti in Forza 4 e che nell’innominabile Forza 5 erano sparite.

 

Forza Motorsport 6

Sviluppatore: Turn 10
Publisher: Microsoft Studio
Genere: Simulatore di Corse
Disponibile: Retail + Digital
PEGI: 3+
Lingua: Italiano
Sito Ufficiale

Contenuti

  • Coinvolgimento
  • Narrazione
  • Interazione
  • Linearità
  • Condivisione

Con Forza 6, Turn 10 rimette in carreggiata il franchise dopo il deludente quinto capitolo. Forse la miglior simulazione di guida presente oggi su console, sicuramente l’incarnazione migliore di tutta la serie.
Un gioco che tutti gli amanti dei simulatori di guida dovrebbero possedere.

verde

Good

  • Resa grafica incredibile e non fine a se stessa
  • Modello di guida eccellente
  • Mods sono un'aggiunta intelligente
  • Vasta gamma di vetture

Bad

  • Le gare con pioggia e quelle notturne suonano un po' fasulle
9.5

Senza pretese mi reputo un giocatore anziano: passati 8 lustri ancora mi appassiono e mi diverto immergendomi in sogni digitali che stimolano il mio animo bambino.
  • Zarusama

    Pur non essendo un appassionato di videogiochi di questo genere, leggendo questo articolo mi è venuta la scimmia di comprarlo! XD