Speciali

Articoli che indagano e analizzano i contenuti di videogiochi e opere multimediali firmati dalle penne di GeekGamer.it.

Videogiochi e violenza: i giocatori non sono zombi morali

La mattina del 20 aprile 1999, due adolescenti, Eric David Harris e Dylan Bennet Klebold, entrarono nella loro scuola, la Columbine High School, nella contea di Jefferson, vicino Littleton (Colorado), armati fino ai denti (fucili a pompa e semi-automatici). Quando incominciarono a sparare all’impazzata uccisero 12 studenti e un insegnante, mentre i feriti furono 24. Da tempo i due ragazzi avevano ...[Read More]

Non solo film. Lo storytelling nei videogiochi

Quando negli anni ’70 uscirono i vari Pong e Space Invaders, il videogioco si presentava come mezzo interattivo privo di storytelling. La pretesa di raccontare storie attraverso il medium videoludico emerse successivamente con i giochi di ruolo (Ultima: The First Age of Darkness), le avventure testuali (la serie Zork) e grafiche (Maniac Mansion). Tuttavia, se in passato era inevitabile, per ...[Read More]

Più rosso di un livello di Doom. La rivoluzione compie 22 anni

“I videogiochi non sarebbero stati più gli stessi dopo Doom. È stato per i giochi ciò che Sgt Pepper’s Lonley Hearts Club Band dei Beatles è stato per la musica pop: un cambio di paradigma”. Così Tristan Donovan conclude, nel libro Replay. The History of Video Games, il capitolo dedicato al titolo di id Software. Quando giocai per la prima volta a Doom, qualche mese dopo l’uscita uffic...[Read More]