C’è un Tomb Raider per PSP e non lo sapevamo…

Tomb Raider

Poche cose nell’industria videoludica più mainstream lasciano più intristiti che assistere alla spiraleggiante decadenza del brand Tomb Raider, costretto oggi ad arrancare nel marasma delle duecento avventure tripla A tutte identiche dopo essere stato, ai tempi d’oro, un caposcuola indiscusso. La Lara Croft depotenziata e “safe” apparsa nelle ultime proposte di Crystal Dynamics non ha un briciolo del carisma e dell’iniziativa dell’antica, iconica capostipite, e il gameplay opaco e beigiolino si confonde con quello di qualsiasi altra cosa pubblicata da una major a caso negli ultimi 10 anni.

A meno di non voler ripescare il dignitosissimo Tomb Raider: Anniversary del 2007 – a parere di chi scrive il miglior episodio dopo The Last Revelation del ’99 – gli antichi fasti restano, appunto, molto antichi e oggi forse difficilmente apprezzabili dal pubblico contemporaneo. Una possibile alternativa è stata suggerita da un progetto amatoriale di elevatissimo spessore, Tomb Raider: The Dagger of Xian, straordinario remake del secondo episodio della saga basato sul motore della prima trilogia di Crystal Dynamics, e la cui demo è scaricabile gratuitamente su questo sito – provatelo, davvero.

Dubitiamo che, in retrospettiva, la storia remota di Tomb Raider sarebbe potuta andare diversamente, considerati i noti problemi affrontati nel tempo da Core Design nel relazionarsi con i publisher. Ma un recentissimo thread su Resetera ha contribuito in queste ore ad aggiungere un piccolo tassello a questa storia. Sembra infatti che tra il 2005 e il 2006 Core Design stesse lavorando a un remake commemorativo del capostipite della serie, pensato per essere pubblicato nientepopodimeno che per PSP. Il progetto venne cancellato poco dopo, momentaneamente riciclato per trasformarsi in un non meglio identificato Indiana Jones, e poi abbandonato del tutto. Anniversary di Crystal Dynamics apparve indipendentemente l’anno successivo.

La notizia è che una versione alpha di questo remake, intitolata Tomb Raider: 10th Anniversary, è stata portata alla luce, aggiornata e rilasciata dagli utenti del sito Tomb-of-Ash.com. La ROM per PSP risulta giocabile su PC scaricando un installer e una patch apposita. Il prodotto è altamente incompleto, privo di nemici e pieno di placeholder, ma presenta quattro mappe percorribili (Perù, Grecia, Egitto e Croft Manor, si veda in calce) che possono essere attraversate senza troppi problemi.

Tomb Raider: 10th Anniversary è oggi poco più che un what if? in quello che, nel bene e nel male, è stato un caposaldo assoluto della storia del medium. Non va escluso d’altra parte che una futura iterazione – che immaginiamo non prossima dato il relativo insuccesso di Shadow of the Tomb Raider – possa davvero voler attingere al cuore più genuino della serie, e forse ci sarà occasione di riparlare allora di questo progetto fallito.

Ilya Muromets
Storico dell'arte, musicista e sarto dilettante, giocatore compulsivo da ormai svariati decenni. Specialista in cRPG, fantasy europeo e Magic the Gathering. Quando non è alle prese con un videogioco di ruolo occidentale indie (più sono marroni e tristi, più ci si diverte), si nasconde nelle steppe siberiane in attesa di rientrare trionfalmente recando con sé qualche testa di idra come trofeo.