Dalle ceneri di Lab Zero Games nasce Future Club, studio indie specializzato in animazione 2D tradizionale

Dalle ceneri di Lab Zero Games nasce Future Club, studio indie specializzato in animazione 2D tradizionale

A seguito delle polemiche nate attorno ai comportamenti scorretti documentati e denunciati dai collaboratori di Mike Zaimon, volto chiave dietro il successo di Skullgirls e lo sviluppo di Indivisible, diversi artisti in passato legati a Lab Zero games hanno deciso di lasciare la compagnia per fondare un nuovo studio di sviluppo indipendente. Le denunce, rese pubbliche in rete attraverso i social di alcuni dei dipendenti vessati proprio da Mike Zaimon, dovevano essere seguite da un comunicato ufficiale di risposta da parte di Lab Zero Games, ma a distanza di diverso tempo non è stato reso noto nulla.

La nuova realtà nata dalle ceneri del celebre studio di sviluppo dietro all’ottimo Skullgirl si chiama Future Club, ed è al momento composta da 15 artisti, la maggior parte proveniente proprio da Lab Zero Games. La CEO dell’azienda è Francesca Esquenazi, proprio uno degli artisti che denunciò la condotta scorretta di Zaimon durante il tempo passato come componente di Lab Zero Games.

Toccherà ora verificare se Lab Zero Games sarà ancora in grado di supportare le proprie IP in commercio con sequel o aggiornamenti futuri.

Majkol
C'è chi dice che nella sua stanzetta, dietro una mole spaventosa di fumetti d'epoca giapponesi, si celino misteri infiniti. Da sempre appassionato di videogame made in Japan e delle opere animate di Kunihiko Ikuhara, dategli un qualsiasi J-RPG e lo renderete un orsetto felice.