Phantasy Star è stato ritradotto dal giapponese da un ex dipendente di Digital Eclipse

Phantasy Star è stato ritradotto dal giapponese da un ex dipendente di Digital Eclipse

Ancora una volta un gruppo di appassionati si è buttato in una folle impresa: localizzare da zero uno dei JRPG fra i più amati dal mercato nord americano. Il caso vuole che questa volta tocchi a Phantasy Star, videogioco pubblicato nel 1987 in Giappone per SEGA Master System (e successivamente, Mega Drive). Il classico in questione, capostipite dell’omonima serie ora  votata al multiplayer online, non solo buttava le basi di quello che sarebbe stato il genere RPG da lì in avanti, ma è anche annoverato fra i primi JRPG mai pubblicati per il mercato console occidentale. La patch gratuita e scaricabile a questo indirizzo traduce il gioco dal giapponese all’inglese seguendo fedelmente lo script originale e introduce diverse migliorie tecniche per renderlo fruibile ad un pubblico interessato a farsi un tuffo nella storia senza soffrire i limiti tecnici dell’epoca, tra cui supporto all’audio FM e diverse opzioni Quality of Life. Da notare che all’opera di ritraduzione ha preso parte anche Frank Cifaldi, un ex dipendente Digital Eclipse, software house statunitense nota per l’ottima qualità dei suoi porting di titoli classici su piattforme di corrente generazione. Il buon Frank porta avanti un progetto online molto interessante sul recupero e la salvaguardia della storia del videoludo che potete trovare a questo indirizzo.

Majkol
C'è chi dice che nella sua stanzetta, dietro una mole spaventosa di fumetti d'epoca giapponesi, si celino misteri infiniti. Da sempre appassionato di videogame made in Japan e delle opere animate di Kunihiko Ikuhara, dategli un qualsiasi J-RPG e lo renderete un orsetto felice.