Ma davvero hanno rifatto il primo Mafia?

Mafia

La notizia è passata sotto relativo silenzio, non soltanto perché non ancora del tutto confermata – ci arriveremo – ma anche perché la giornata di ieri è stata completamente monopolizzata dalle reazioni scomposte causate dalla pubblicazione dell’impressionante video relativo all’Unreal Engine 5.

Ma andiamo al sodo: un paio di giorni fa, 2K Games ha pensato bene di pubblicare sul proprio canale ufficiale il seguente teaser trailer:

…il quale, essenzialmente, nient’altro è che l’annuncio di un annuncio: il prossimo 19 maggio riceveremo informazioni effettive su Mafia Trilogy, raccolta di cui, al momento, si sa poco o niente. Nei giorni precedenti, intanto, era stata notata la riattivazione dell’account Twitter ufficiale, da tempo rimasto dormiente.

Era lecito aspettarsi, oltre ai tre Mafia già esistenti, contenuti aggiuntivi e – va da sé – miglioramenti grafici di qualche tipo. Gli appassionati si sono messi subito a caccia di ulteriori informazioni e sono emerse informazioni piuttosto interessanti. Come riportato da VG247, la pagina portoghese di Microsoft Store, poi modificata, pareva confermare fino a ieri una data di lancio prevista per il prossimo 28 agosto.

Ma c’è di più: hanno cominciato a circolare anche alcuni screenshot che sembrerebbero sottintendere la possibilità che questa Trilogy possa includere un completo remake del primo Mafia, l’acclamato action-adventure pubblicato ormai nel lontano 2002 per PS2, Xbox e PC. A conferma di questa ipotesi, è stato notato che nel sito ufficiale della Taiwan Digital Game Rating Committee comparivano già le Definitive Edition di Mafia 2 e di Mafia 3 (per PS4, Xbox One e PC), ma non di Mafia… possiamo davvero attenderci una sorpresa da parte di 2K Games?

 

 

Ilya Muromets
Storico dell'arte, musicista e sarto dilettante, giocatore compulsivo da ormai svariati decenni. Specialista in cRPG, fantasy europeo e Magic the Gathering. Quando non è alle prese con un videogioco di ruolo occidentale indie (più sono marroni e tristi, più ci si diverte), si nasconde nelle steppe siberiane in attesa di rientrare trionfalmente recando con sé qualche testa di idra come trofeo.