E3 2019, o quasi: EA trasmette la sua EA Play

EA

Si aprono le danze dell’agognato E3 2019, e il ruolo di pioniere spetta a EA, la quale – come anticipato già nel programma – ha deciso di optare per una soluzione alternativa alla classica conferenza in situ. La scelta, come si è detto, non è del tutto innovativa, essendo stata già sperimentata con enorme successo da Nintendo con i suoi Direct e costituendo molto probabilmente la formula preferenziale del futuro: in sostanza, questo EA Play è stato composto da una lunga sequenza di trailer della frontline del colosso statunitense, con tanto di playlist pubblicata quasi immediatamente sul canale Youtube ufficiale.

Per riassumere, ecco cosa ci è stato mostrato durante la diretta:

Star Wars Jedi: Fallen Order è atteso per il prossimo 15 novembre, e il gameplay – rivelato per la prima volta in questa occasione – risponde alle promesse di un approccio essenzialmente action, molto virato sul combattimento. L’impressione generale è che si tratti di un classico titolo patchwork, un po’ Uncharted, un po’ Tomb Raider, un po’ Dark Souls, che mescola diversi stimoli per raggiungere il più ampio bacino d’utenza possibile. Niente di inaspettato, insomma.

Meno “clamorosi” i prodotti presentati successivamente (aggiornamenti per il comunque brillante Apex Legends e la nuova mappa “Marita” per Battlefield V, in arrivo a luglio in concomitanza con l’Episode 4), mentre come c’era da attendersi il trailer di FIFA 20 – previsto per novembre – ha catturato l’attenzione sia per la vivacità della regia, sia per l’annunciata modalità VOLTA che dovrebbe consentire la creazione di giocatori personalizzati da sperimentare direttamente anche in contesti di street-football.

Sorvoliamo su americanate quali Madden 20, certo ben più rilevanti oltreoceano che in Europa, per concludere con l’ennesima espansione per The Sims 4 (Vita sull’Isola), che più qualcuno vorrà aggiungere alla propria collezione profittando della trascorsa gratuità del gioco base su Origins.

Nel complesso, un EA Play tutto incentrato sulla preminenza del marchio Star Wars e sulla fidelizzazione ormai acclarata degli appassionati degli EA Sports. Ci aspettiamo qualcosa di più significativo dalla concorrenza nei prossimi giorni.

Ilya Muromets
Storico dell'arte, musicista e sarto dilettante, giocatore compulsivo da ormai svariati decenni. Specialista in cRPG, fantasy europeo e Magic the Gathering. Quando non è alle prese con un videogioco di ruolo occidentale indie (più sono marroni e tristi, più ci si diverte), si nasconde nelle steppe siberiane in attesa di rientrare trionfalmente recando con sé qualche testa di idra come trofeo.