Paura di Kojima? The Last of Us: Part 2 potrebbe essere rimandato al 2020

the last of us 2

Quante cose sono accadute in soli due giorni: a poche ore dalla pubblicazione del nuovo trailer dell’attesissimo Death Stranding di Kojima Productions, ecco saltare fuori una voce piuttosto interessante a proposito di The Last of Us: Part 2, altro titolo di primaria importanza che, da previsione, sarebbe dovuto uscire il prossimo autunno.

Ebbene, Jason Schreier di Kotaku ha da poco pubblicato un tweet nel quale viene rivelato un cambio di programma: The Last of Us: Part 2 sarebbe stato rimandato all’inizio del 2020 – forse in febbraio. La notizia è interessante soprattutto alla luce del fatto che la data di pubblicazione di Death Stranding è stata annunciata proprio ieri, e coincide con il prossimo 8 novembre. E in effetti, se c’era un concorrente che poteva preoccupare davvero Naughty Dog era proprio Hideo Kojima.

A quanto pare, Sony vuole lasciare il miglior ricordo possibile di questa generazione – e, comprensibilmente, ricavarne il massimo profitto possibile. Vi terremo aggiornati sulle prossime notizie.

Ilya Muromets
Storico dell'arte, musicista e sarto dilettante, giocatore compulsivo da ormai svariati decenni. Specialista in cRPG, fantasy europeo e Magic the Gathering. Quando non è alle prese con un videogioco di ruolo occidentale indie (più sono marroni e tristi, più ci si diverte), si nasconde nelle steppe siberiane in attesa di rientrare trionfalmente recando con sé qualche testa di idra come trofeo.