Top 3 2016 – I titoli preferiti dai membri della redazione di GeekGamer.it

Top 3 2016 – I titoli preferiti dai membri della redazione di GeekGamer.it

Edoardo Carusillo

Danganronpa 1+2 (Steam) – Recensione GeekGamer.it (1) (2)

Prendete Ace Attorney, mixatelo con Battle Royal, aggiungete un pizzico di Saw, e avrete ottenuto Danganronpa, uno dei franchise multimediali più esplosivi degli ultimi anni. Impersonate i panni di Makoto Naegi e Hajime Hinata, avventuratevi dentro l’Hope’s Peak Academy e Jabberwock Island, e sventate i piani del diabolico orsetto Monokuma. Tra dating simulation e scene del crimine, chi ne uscirà vivo e vegeto? Una sfida d’intelligenza tra liceali fuori di testa, detective improvvisati e un misterioso mastermind che tira le fila nell’ombra, consigliato a tutti i fan delle visual novel in salsa shonen.

Umineko When They Cry (Steam) – Recensione GeekGamer.it 

Umineko è una delle produzioni più raffinate nel mercato delle visual novel, caratterizzato da una trama intricata, una rosa di personaggi profondi e sfaccettati, e una colonna sonora indimenticabile. È l’esempio perfetto di come un gameplay totalmente lineare e di sola lettura riesca a coinvolgere il giocatore grazie a uno storytelling avvincente e curato nei minimi dettagli. Scervellatevi a svelare i misteri di Rokkenjima tra sfilze di Verità Rosse e speculate sulla vera identità del colpevole!Un’opera che decostruisce il fantasy e il giallo, consigliata a tutti gli amanti dei generi e non.

Steins;Gate (Steam) – Recensione GeekGamer.it

Si può modificare il destino con un click? Ma soprattutto, si è disposti a sacrificare la felicità dei propri amici per salvare la vita della persona amata? Steins;Gate affronta questi dilemmi e molti altri ancora, esplorando l’Akihabara degli otaku smanettoni, degli hikikomori e delle seducenti idol. Una storia che fonde il realismo della teoria scientifica sui viaggi del tempo, cospirazioni politiche e tutta la tensione del genere thriller. Consigliato ai fan del genere fantascientifico o a chi ha amato l’adattamento animato del 2011, visionabile gratuitamente e in italiano a questo indirizzo.

C'è chi dice che nella sua stanzetta, dietro una mole spaventosa di fumetti d'epoca giapponesi, si celino misteri infiniti. Da sempre appassionato di videogame made in Japan e delle opere animate di Kunihiko Ikuhara, dategli un qualsiasi J-RPG e lo renderete un orsetto felice.