TransOcean 2: Rivals, un simulatore per gli appassionati di avventure marittime

TransOcean 2: Rivals

Deck13 Hamburg e Astragon Entertainment hanno appena annunciato la pubblicazione di TransOcean 2: Rivals, il secondo capitolo della serie di simulazione strategica per PC e Mac.

Nella modalità multigiocatore online, fino a quattro avversari potranno competere l’uno contro l’altro. Ciascuna partita è suddivisa in diversi round, in cui i giocatori dovranno completare varie attività per aggiudicarsi i Punti Vittoria, i cui criteri saranno definiti a caso all’inizio di ogni gioco. Ciascuna sessione di gioco offrirà nuove sfide, e richiederà non solo abilità strategica, ma anche un livello elevato di flessibilità tattica.

La campagna in giocatore singolo inizierà nel Nord America, e condurrà il giocatore attraverso sei capitoli con situazioni dal livello di difficoltà crescente. Nel corso della campagna, il giocatore familiarizzerà con gli elementi e le tattiche di gioco di TransOcean 2: Rivals, e scoprirà nuove classi di velieri, mercantili e ben 60 porti. Un sistema di achievement sbloccabili spronerà i giocatori a rigiocare nuove sessioni allo scopo di raggiungere una performance ottimale in ogni capitolo.

Nella modalità competizione, l’AI del titolo assumerà il ruolo di un avversario umano in multigiocatore. Ogni round offrirà un susseguirsi di prove in diversi campi di attività, il cui completamento sarà ricompensato con dei Punti Vittoria. Il giocatore potrà selezionare la durata della sessione di gioco, il numero dei giocatori avversari IA (da 1 a 7) e il livello di difficoltà.

La modalità infinita funziona senza alcun tipo di limitazione: i proprietari delle navi potranno gestire la propria attività a loro piacimento, e impegnarsi per espanderla senza restrizioni di sorta.

Di seguito, il trailer:

 

 

Storico dell'arte, musicista e sarto dilettante, giocatore compulsivo da ormai svariati decenni. Specialista in cRPG, fantasy europeo e Magic the Gathering. Quando non è alle prese con un videogioco di ruolo occidentale indie (più sono marroni e tristi, più ci si diverte), si nasconde nelle steppe siberiane in attesa di rientrare trionfalmente recando con sé qualche testa di idra come trofeo.