Obscuritas: l’horror psicologico che registra le vostre paure…

Obscuritas

Lo confesso, non sono granché amante degli horror (e devo ammettere che recensire The Town of Light ha rappresentato una sfida personale non da poco), ma questo Obscuritas di VIS Games si preannuncia interessante persino per chi, come me, è poco disposto a trascorrere il proprio tempo libero sobbalzando di paura dentro misteriose magioni virtuali.

Disponibile a partire da oggi su Steam, Obscuritas invita i giocatori a mettersi nei panni della protagonista Sarah, la quale è entrata in possesso per via ereditaria di una villa che dovrà esplorare allo scopo di svelare i segreti che la circondano. Rispetto ai tradizionali horror in prima persona, questo titolo presenta un’innovazione assai curiosa: un sistema di “fear recognition” monitorerà costantemente le reazioni dei giocatori in diverse situazioni, con lo scopo di tracciare una sorta di personale profilo sulle loro paure. Andando avanti , il vecchio palazzo reagirà a seconda del profilo individuato creando un’esperienza che rispecchia le paure e le fobie di ciascuno.

La mia, per dire, sono gli scarafaggi. Speriamo che Obscuritas non li abbia contemplati…

Ilya Muromets
Storico dell'arte, musicista e sarto dilettante, giocatore compulsivo da ormai svariati decenni. Specialista in cRPG, fantasy europeo e Magic the Gathering. Quando non è alle prese con un videogioco di ruolo occidentale indie (più sono marroni e tristi, più ci si diverte), si nasconde nelle steppe siberiane in attesa di rientrare trionfalmente recando con sé qualche testa di idra come trofeo.