Due grandi shuriken.

Luca 'LkMsWb' Balducci

Senran Kagura: Shinovi Versus

Sviluppatore: Tamsoft
Publisher: Marvelous
Genere: Hack’n’slash
Disponibile: Digital
PEGI: 16+
Lingua: Inglese
Versione Testata: PC
Ringraziamo il publisher per averci fornito una copia review

Senran Kagura è una serie recente, nata solamente 5 anni fa con il primo titolo pubblicato su Nintendo 3DS; adattato anche ad altri format come manga ed anime, come moltissime serie giapponesi è sbarcato su Steam, offrendosi ai desideri dei milioni di utenti della piattaforma Valve.

Shinovi Versus è nello specifico il terzo titolo della serie, ed il primo di uno spin-off full 3D inizialmente pubblicato su Playstation Vita; ci tengo a far presente che la serie si è nel frattempo evoluta ed è già stato pubblicato il quinto capitolo.

Che cos’è esattamente Senran Kagura Shinovi Versus? È essenzialmente un titolo action/beat’em’up di tipico stampo nipponico, che vede protagoniste esclusivamente femminili e piuttosto procaci, con caratteri volutamente stereotipati ed abilità e poteri ninja tutti diversi; sì, le protagoniste sono tutte studentesse liceali appartenenti a diverse scuole shinobi dedicate al perfezionamento delle tecniche e, essenzialmente, allo scontro fra istituti; come è facilmente intuibile Shinovi è un gioco che non si prende troppo sul serio, pur affrontando – nell’arco delle vicende dedicate alle varie accademie e alle singole protagoniste – le classiche tematiche che ci si può attendere da un titolo proveniente dal Paese del Sol Levante: amicizia, isolamento, crescita personale.

Alla base della narrazione si trova lo scontro fra bene e male, o meglio, fra quelle che sarebbero le scuole per “Shinobi buoni” e quelle per “Shinobi malvagi”. Ovviamente è solo un pretesto per uno scontro fra tutte le scuole e tutte le studentesse: durante la Shinobi Battle Royale un’accademia sfida ed invade un altro istituto, guadagnando il diritto di dare fuoco alla scuola invasa in caso di vittoria. Shinovi Versus è essenzialmente questo: quattro storie, (o meglio, quattro versioni alternative della stessa storia), vissute ognuna tramite lo sguardo di una delle quattro accademie protagoniste, le cui studentesse si troveranno mano a mano ad affrontare tutte le altre shinobi presenti; Per ogni protagonista è inoltre disponibile una serie di cinque missioni dedicate denominata “Shinobi Girl’s Heart”, curate da una mini-storia che ne illustra i desideri. Alla fine di tutto i numeri sono di tutto rispetto: 24 missioni per ogni accademia, 5 missioni per ogni ragazza, 5 ragazze per istituto; le scuse per menar le mani non mancano.

CO-CO-CO-COMBO…OPPAI!

Come già detto tutta l’introduzione si traduce in una scusa per giustificare gli scontri, veri protagonisti del titolo e che richiamano un po’ lo stile della serie Dinasty Warriors: oltre ai combattimenti 1 vs 1 contro le altre shinobi, per la stragrande maggioranza del tempo si affrontano orde di nemici tutti uguali, destinati a perire rapidamente sotto i colpi dell’eroina di turno creando così combo impressionanti (anche sopra il migliaio di colpi) e andando a riempire mano a mano una barra che permette – una volta caricata – di utilizzare le potentissime mosse speciali, ovviamente diverse per ogni protagonista.

Per poter utilizzare una di queste mosse è ovviamente necessario passare attraverso una delle due trasformazioni possibili: la forma “Shinobi” potenzia attacco e difesa, cura l’eroina nel momento dell’attivazione e (ri)veste le ragazze nel loro costume ninja; la forma “Frantic”, d’altra parte, potenza enormemente l’attacco ma lascia scoperta la difesa e non solo, visto che la ragazza che la attiva rimane direttamente in intimo. Eh sì, perché una delle feature più conclamate di Senran Kagura è quella di lasciare le avversarie il più nude possibile, frantumando durante gli scontri costumi, reggiseni e mutandine, ovviamente per ridurre la difesa della nemica di turno, non per altro; in particolare le semplici combo fanno più fatica a distruggere gli abiti, ma quando lo fanno colpiscono sia la parte superiore che quella inferiore del corpo, mentre le mosse speciali regalano la certezza di danneggiarli ma solamente per una parte del corpo; non può mancare la mossa “finisher”, che combina doppia distruzione a certezza. Annuncio per i più maliziosi: sì, le nudità sono censurate. Almeno senza mod.

senran-kagura-shinovi-versus-art000Il sistema di combattimento in sé è semplice, consistente in attacco debole, attacco forte, parata, schivata e salto, oltre ai pulsanti dedicati alle trasformazioni; è consigliabile giocare con il pad, ma i grilletti restano inutilizzati vista la nascita del titolo su PS Vita, sprovvista di doppi pulsanti dorsali. Il sistema di combo funziona, complice l’ottima scelta di non interrompere il conteggio al minimo danno subito: è solo il tempo a decidere se una combo prosegue o se è stata chiusa; il bilanciamento fra le protagoniste non è invece eccellente, sia per la costruzione degli attacchi concatenati che per i combattimenti 1 vs 1: con alcune ragazze è più difficile che con altre giudicare la portata degli attacchi, mentre sembrano semplicemente avvantaggiate le shinobi più rapide; gli attacchi speciali sono molto più equilibrati fra loro, ma forse risultano troppo potenti nelle meccaniche del gioco: se si è più potenti dell’avversaria è facile fare un one-shot (o quasi) semplicemente utilizzando le mosse speciali al momento giusto. Nella gestione dei personaggi più statici e con aree d’attacco più limitate non aiuta la telecamera, criticabile anche nei livelli con corridoi chiusi e con dislivelli, cosa resa ancor più evidente nelle mappe più piccole – e di grandi non ne esistono.
Presente anche il multiplayer, non proprio brillantissimo visti i limiti già evidenziati nella modalità single player, inoltre nel momento in cui scrivo trovare persone con cui giocare online è sempre più difficile…

Contenuti

Dove posso acquistarlo?

PS Store

La seconda opinione

Senran Kagura: Shinovi Versus è una prodotto che si è tristemente conquistato le antipatie di molti, probabilmente scandalizzati dalla grandezza caricaturale dei seni delle protagoniste, ma che nella sua innocenza (passatemi il termine) propone un’avventura tutto sommato godibile e, perché no, capace di stimolare il gusto di quei grandicelli più interessate ai visini mangosi delle protagoniste piuttosto che all’iperrealistico ansimare di Lara Croft nei recenti Tomb Raider. Ad ognuno il suo!

6.3 – Majkol “Zaru” Robuschi

SHINOBI… SHINOBI CHANGES!

Ho scritto poco sopra “se si è più potenti dell’avversaria” non a caso, perché in Senran Kagura Shinovi Versus non mancano alcune semplici caratteristiche da RPG. Ogni ragazza può crescere e potenziarsi fino a livello 50, incrementando mano a mano i livelli di salute massima, di attacco e di difesa e sbloccando nuove tecniche per le combo; se tutto questo non bastasse, sono disponibili altre tre caratteristiche da aumentare: queste vanno da 0 a 5 e coprono gli attacchi nelle tre forme assumibili dalle protagoniste. La prima, “Flash Mode”, si potenzia combattendo da “scolarette” – ovvero nella forma base – e va ad influire sull’esperienza guadagnata, capacità di parata e sull’Aerial Rave, una abilità che permette di seguire saltando le nemiche spazzate via dopo una combo.
La seconda, denominata “Yang Mode”, influenza la modalità Shinobi, permettendo la rigenerazione dei punti vita, della barra per l’utilizzo degli attacchi speciali (le Ninja Art) e, una volta massimizzata, offre una maggiore resistenza all’essere spazzati via, che è la condizione necessaria per infliggere o subire la rottura dei vestiti.
L’ultima è “Yin”, che è correlata alla modalità “Frantic”, ovvero quella direttamente in intimo. In questo caso si potenzia il conteggio delle combo, si ottengono bonus provocando i nemici e si migliora la “Limit Break“, il modo per bloccare gli attacchi nemici se ci si ritrova in situazioni particolarmente scomode.
Non è finita, c’è infatti un ultimo aspetto di Senran Kagura da analizzare: la personalizzazione! Per ogni ragazza in Shinovi Versus si può scegliere fra una miriade di vestiti, accessori e modelli di intimo, il tutto sbloccato grazie a eventi o attraverso i soldi guadagnati dopo ogni missione.

Il porting PC di Shinovi Versus funziona bene, ma sarebbe stato difficile il contrario. La versione per la Master Race è essenzialmente identica a quanto visto sulla console portatile di Sony, con la sola differenza data dalla risoluzione upscalata a 1080p – la risoluzione è l’unica opzione video impostabile, letteralmente. Il comparto audio è nella norma, con il doppiaggio giapponese (unico presente) che come al solito tenta con buon successo di dare energia ed enfasi anche ai momenti meno eccitanti del gioco, ma avviso: tanto dal lato video che da quello audio se non volete condividere con il mondo quello a cui state giocando allora chiudete la porta e usate le cuffie. L’italiano è assente, ma i testi sono tradotti nella comoda lingua d’Albione.

Shinovi Versus è un titolo limitato sotto molti punti di vista, ma è divertente e spensierato, e tutto sommato la formula funziona abbastanza da produrre già diversi seguiti e spin-off. Non cercate qui grafica o gameplay sopraffino, ma se siete appassionati di anime, manga e/o di titoli Musou, in Shinovi Versus troverete modo di passare qualche ora divertendovi.

giallo

Good

  • I contenuti non sono pochi.
  • Gameplay semplice ma che regala soddisfazioni.
  • Le protagoniste non sono semplici copy/paste.

Bad

  • Mappe piccolissime.
  • Ripetitivo.
  • Bilanciamento evidentemente preso poco in considerazione.
6.5

Luca 'LkMsWb' Balducci
Dai videogiochi al PC, dal PC ai videogiochi: il cerchio è terminato. Convinto PCistamassterrace, cede puntualmente al lato oscuro delle console ad ogni esclusiva degna di nota.