Il ruggito del Berserker

Simone

Berserk and the Band of the Hawk

Sviluppatore: Omega Force (Koei Tecmo)
Publisher: Koei Tecmo
Genere: Hack’n’slash 3D
Disponibile: Digital+retail
PEGI: 18+
Lingua: Inglese
Versione Testata: PC
Ringraziamo il publisher per averci fornito una copia review

Che dire di Berserk? Con tutta probabilità una delle serie animate nipponiche più celebri nel nostro paese. L’opera di Kentaro Miura, assai longeva e “pure troppo” a detta di molti, è nota per l’alto livello di violenza che a volte sfiora il gore e per le tematiche mature affrontate.

Un manga dalla serializzazione spesso travagliata.

Un brand che può vantare un gran numero di appassionati ed un ampio apprezzamento, eppure pare che nessun prodotto videoludico finora sia stato in grado di rendere giustizia all’opera principale: la maggior parte dei titoli ad esso dedicati sono di qualità che varia dallo scadente al discreto. Il genere dei musou, dal gameplay ormai invariato qualunque sia il prodotto, sembra dedicarsi all’acquisizione di IP sempre più note al grande pubblico per macinare buone vendite. In questo caso si parla di una serie manga/anime decisamente perfetta per il gameplay classico dei titoli targat Koei Tecmo: riuscirà il prode Gatsu a tagliare in due questo genere videoludico ed innalzarlo verso nuove vette?

Com’è già accaduto in passato con Shingeki No Kyojin/Attack On Titan, il team di sviluppo Omega Force ha attinto a piene mani dall’opera di Kentaro Miura senza preoccuparsi troppo di aggiungere contenuti inediti o altre amenità. Di fatto Berserk and the Band of the Hawk rappresenta un piatto ricco e succulento per i numerosi appassionati, ma per chi non apprezza o non conosce bene il brand in questione il tutto potrebbe risultare abbastanza tiepido.

NESSUNA PIETA’

Quando si punta al valorizzare una determinata IP si dovrebbe pensare anche a chi non la conosce, ma in questo caso il gioco si preoccupa di tirare in ballo tutto ciò che un fan di Berserk vorrebbe trovare in un adattamento videoludico. Di fatto Berserk and the Band of the Hawk ripercorre la storia del protagonista Gatsu da prima del suo ingresso nella Squadra dei Falchi, mostrando poi tutte le evoluzioni della storia con un ampiezza narrativa notevole e piacevole. Senza dubbio la trama ed i contenuti narrativi rappresentano un punto di forza per questo gioco, che mescola fasi di storia alle concitate sezioni di combattimento nel classico stile del genere.

La prima parte della campagna è basata sul cosiddetto Golden Arc, ovvero la sezione della storia che parla dell’ingresso di Gatsu nella banda capeggiata dall’imperscrutabile Griffith: le missioni da affrontare ricalcano momenti chiave dell’arco narrativo originale, da sempre uno dei preferiti dagli appassionati per la storia carica di misteri e nemici da abbattere. La modalità Storia permette di sbloccare numerosi personaggi, di tutti gli allineamenti, utilizzabili poi senza problemi nella modalità libera o nella modalità Endless Eclipse. Tale modalità include numerose battaglie a difficoltà crescente, una sorta di survival mode, durante la quale è possibile ottenere armi uniche posto che si riesca a sopravvivere abbastanza a lungo: gli oggetti ottenuti durante l’Endless Eclipse sono poi utilizzabili durante la story mode, permettendo un approccio decisamente vantaggioso. Il gameplay generale di Berserk and the Band of the Hawk è un classico dei titoli targati Omega Force: un musou in tutto e per tutto con le sue luci e le sue ombre. Se da un lato è apprezzabile poter tranciare in due intere orde di nemici, dall’altro si inizia ad avvertire la sensazione che il tutto sia basato più sul button mashing che su una vera strategia o capacità nel combattimento. L’intelligenza artificiale dei nemici è di bassissima qualità, fatta eccezione per qualche boss o avversario particolare: la maggior parte degli avversari si limita a caricare a testa bassa usando sempre gli stessi attacchi o pattern, nella speranza di beccare il momento giusto per infliggere danni. Il livello di difficoltà è buono, ma ovviamente dato dalla soverchiante superiorità numerica dei nemici piuttosto che dalla loro reale abilità.

Gli inserti animati inclusi nel gioco sono tratti dalla trilogia cinematografica giunta in Italia grazie a Yamato Video.

Il comparto tecnico presenta, come il gameplay, luci ed ombre. Se da un lato è possibile apprezzare modelli dei personaggi ben realizzati con uno stile cel shading che rende molto bene soprattutto durante le cutscenes, dall’altro sono presenti numerose compenetrazioni di poligoni, scalettature ed un generale basso livello di dettagli. Di buono è possibile riscontrare il frame rate, solido come la roccia praticamente sempre nonostante la presenza di numerosi elementi su schermo. A livello di contenuti, Berserk and the Band of the Hawk può vantare moltissimi riferimenti ai lungometraggi ed alla serie originale: i fan saranno felici di sapere che sono presenti tutte le classiche “chicche” del prodotto, compreso il fanservice abbastanza pesante riservato ai maggiorenni. Ovviamente è consigliatissimo l’utilizzo del joypad per godere appieno delle potenzialità di questo titolo, che fa dell’azione frenetica il suo punto di forza seppur con i difetti elencati sopra. Berserk and the Band of the Hawk è certamente un buon titolo, una scelta consigliata a chi non può fare a meno di sentirsi coinvolto nelle sanguinose avventure di Gatsu.

 

 

 

 

Contenuti

Dove posso acquistarlo?

PS Store


Berserk and the Band of the Hawk - PlayStation 4 (Videogioco)


List Price: EUR 59,99
New From: EUR 44,90 In Stock
Used from: EUR 40,00 In Stock
Release date February 24, 2017.

Berserk - L'Epoca D'Oro - Capitolo 01 - L'Uovo Del Re Dominatore (Blu-ray)


List Price: EUR 15,67
New From: EUR 13,49 In Stock
Used from: Out of Stock

Berserk - L'Epoca D'Oro - Capitolo 02 - La Conquista Di Doldrey (Blu-ray)


List Price: EUR 14,99
New From: EUR 12,03 In Stock
Used from: Out of Stock

Berserk - L'epoca d'oro - Capitolo 3 - L'avvento (Blu-ray)


List Price: EUR 14,99
New From: EUR 13,86 In Stock
Used from: EUR 9,99 In Stock

Berserk and the Band of the Hawk è una vera e propria lettera d’amore ai fans della saga creata da Kentaro Miura, ma potrà appagare completamente soltanto loro. Se si deve esaminare nel dettaglio l’opera videoludica invece, si ha a che fare con un “classico” musou ed un ingombrante bagaglio di difetti che abbassa la qualità generale: button mashing come se non ci fosse un domani, alcune incertezze tecniche e nemici dall’I.A. praticamente inesistente. D’altro canto si possono apprezzare i contenuti narrativi ben realizzati e combattimenti di grande impatto che ben si adattano al brand. Se siete sfegatati appassionati delle brutali avventure di Gatsu aggiungete pure mezzo punto, in caso contrario non aspettatevi un capolavoro ma soltanto un discreto musou.

giallo

Good

  • Azione frenetica condita dai classici elementi sanguinosi, sessuali e brutali della saga.
  • Grande contenuto narrativo.

Bad

  • Tecnicamente non è il massimo.
  • I.A. avversaria decisamente pessima.
7

Simone
Entrato nel castello di Dracula negli anni '80, non ne è più uscito e vaga per i saloni in 8-bit chiedendosi che fine abbiano fatto i bei videogiochi di una volta