Guild Wars 2: ArenaNet licenzia Jessica Price e Peter Fries dopo le accuse di sessismo

guild wars 2

Lo sviluppatore di Guild Wars 2, ArenaNet, ha recentemente allontanato gli sceneggiatori Jessica Price e Peter Fries al termine di una controversa discussione  su Twitter intrapresa con lo youtuber (e partner di ArenaNet) Deroir.

Martedì scorso, Jessica Price ha pubblicato un lungo intervento su Twitter, con il quale discuteva delle problematiche riscontrate nella scrittura di Guild Wars 2, un titolo online che rende difficile impostare dei personaggi capaci di lasciare spazio all’interpretazione del giocatore. In risposta a tale intervento, Deroir ha suggerito che l’introduzione di diverse opzioni di dialogo potrebbe consentire una più ampia libertà nella modellazione della personalità dell’avatar giocante. La risposta piccatissima di Price non si è fatta attendere: in un retweet, la sceneggiatrice si è lamentata del fatto che Deroir avrebbe esercitato un inaccettabile mansplaining immischiandosi in questioni interne senza averne le competenze:

Jessica Price@Delafina777

Today in being a female game dev:

“Allow me–a person who does not work with you–explain to you how you do your job.”

continuando poi con ulteriori commenti sull’inesperienza dei giocatori e sulla presenza di “rando asshats” il cui unico scopo sarebbe quello di pontificare contro professionisti di esperienza. Il collega Peter Fries ha rincarato la dose in un tweet poi cancellato (ma lo potete leggere qui).
La reazione della comunità dei giocatori di fronte a queste accuse non si è fatta attendere, specie dopo che Deroir si è scusato più volte, spiegando come non vi era stata da parte sua alcuna intenzione paternalistica né tantomeno sessista. Subito dopo, in un post pubblicato sui forum di Guild Wars 2, il presidente di ArenaNet Mike O’Brien ha annunciato il licenziamento di Price e Fries, colpevoli di aver attaccato in modo gratuito i fan di Guild Wars 2 e di essersi allontanati dallo standard comunicativo dell’azienda.
Jessica Price non era del resto nuova a esternazioni di questo genere. In occasione della recente morte di TotalBiscuit, aveva pubblicato un tweet in cui dichiarava di essere felicissima “che non sia più in giro a fare danni”.
Ilya Muromets
Che poi, a ben vedere Cutie Honey era tipo la Edwige Fenech dei giapponesi.