Un trio di “anziani” all’opera? Una risposta sul futuro di Dragon Quest

dragon quest

Molta della fortuna della saga di Dragon Quest, che ha esordito nel 1986 su Famicom, si deve alla convergenza degli sforzi di una triade d’eccezione: il creativo Yuji Horii, il compositore Koichi Sugiyama e il character designer Akira Toriyama. Non c’è dubbio che l’età comincia a farsi sentire anche per costoro, e tale questione è stata avanzata nel corso di una recente intervista al produttore esecutivo Yu Miyake in occasione della trentottesima assemblea annuale degli azionisti di Square Enix – e riportata dall’account twitter @michsuzu.

Nello specifico, di fronte a chi gli faceva notare che Yuji Horii ha ormai superato la sessantina e che Sugiyama ha la bellezza di 87 anni, Miyake ha risposto:

Sia Horii che Sugiyama stanno benissimo. Abbiamo raggiunto di recente il trentennale della serie, ma essi continuano a lavorare bene come al solito. Sugiyama andava affermando “E dunque il prossimo sarà l’ultimo, eh?” mentre ci lavorava su. La cosa più importante per Dragon Quest è che Horii, Sugiyama e Toriyama lavorino insieme. Ho riflettuto su quello che succederà, ma cerco di non pensarci. Tutti i fan affermano di voler vedere Horii e Sugiyama continuare, ma ho trascorso molto tempo a riflettere su ciò che faremo quando non saranno più in grado di farlo – ma vi dirò, preferisco non pensarci.

Ilya Muromets
Che poi, a ben vedere Cutie Honey era tipo la Edwige Fenech dei giapponesi.