Top 3 2017 – I titoli preferiti dai membri della redazione di GeekGamer.it

Top 3 2017 – I titoli preferiti dai membri della redazione di GeekGamer.it
Antonio Izzo

Antonio Izzo

Nex Machina (Steam)

I ragazzi di Housemarque, maestri indiscussi degli shoot’em up, hanno fatto ancora una volta centro con quello che è forse il loro lavoro migliore. Nex Machina è adrenalina, è perfezione, è sudore ma anche soffisfazione. Non offre una storia, se non un abbozzo, è un titolo puramente arcade dove il giocatore è chiamato a lottare contro se stesso prima ancora che con la moltitudine di nemici abbaglianti che gli vengono scagliati contro. I meccanismi di giochi sono oliati alla perfezione, nulla è messo a caso, non c’è neppure un pixel fuori posto. È tutto così immediato, ma anche così dannatamente complicato. È l’essenza stessa dei videogames, gameplay puro, arricchito da una colonna sonora da antologia, che ad ogni fotogramma ci ricorda il vero motivo per cui amiamo ancora questo medium. Poi le lacrime scorrono copiose: Housemarque ha deciso di abbandonare lo sviluppo di titoli arcade come questo, poiché poco redditizi. Motivo in più per proteggere e valorizzare una gemma come Nex Machina, che potrebbe davvero essere una delle ultime.

Prey (SteamPS StoreXbox Marketplace – Recensione di GeekGamer.it)

Bioshock che incontra Dishonored che incontra Deus Ex. Arkane Studios fa ancora una volta centro proponendo un’esperienza profonda, strarificata e dal level design sopraffino. La stazione di Talos I è un immenso ed articolato parco divertimenti che offre mille differenti opportunità ai giocatori, che grazie agli stravaganti dispositivi e ai tanti poteri a disposizione possono quindi sperimentare, cercare percorsi alternativi, tentare nuovi approcci e influenzare il destino dei sopravvissuti. Il setting farà gola a tutti gli appassionati di fantascienza e il colpo di scena finale è tanto riuscito quanto divisivo. A Prey gli manca solo la quest perfetta, qualcosa di simile alle famose ville dei due Dishonored, quella che gli farebbe fare un deciso salto di qualità verso l’eccellenza, che purtroppo non raggiunge.

Wolfenstein 2: The New Colossus (SteamPS StoreXbox MarketplaceRecensione di GeekGamer.it)

Difficile pretendere di più da un titolo come Wolfenstein 2: The New Colossus. Uno sparatutto in prima persona vecchio stile con un gameplay di prim’ordine, arricchito da un level design basilare ma oculato e da un comparto narrativo mastodontico che poggia le basi su una scrittura certosina. Il variegato cast, dal protagonista ai comprimari, è memorabile, così come il villain, forse il più riuscito degli ultimi anni. Completano il quadro un longevità ben al di sopra della media a cui ci ha abituati il genere e un comparto tecnico che trae enorme giovamente dal passaggio alla sesta iterazione dell’id Tech.

Majkol
C'è chi dice che nella sua stanzetta, dietro una mole spaventosa di fumetti d'epoca giapponesi, si celino misteri infiniti. Da sempre appassionato di videogame made in Japan e delle opere animate di Kunihiko Ikuhara, dategli un qualsiasi J-RPG e lo renderete un orsetto felice.