Super Mario Odyssey – Come la canzone portante del gioco è stata adattata in inglese

Super Mario Odyssey – Come la canzone portante del gioco è stata adattata in inglese

Nintendo Treehouse ha recentemente rivelato su Tumblr cosa è successo nel backstage durante il processo di localizzazione inglese di Jump Up, Super Star, la canzone che tutti conosciamo come il tema portante di Super Mario Odyssey.

Secondo Rob Tunstall, la prima bozza della versione inglese dei testi suonava così:

Oh we’re ta- / -king a trip / Here we go it’s time to raise the sails
The wind is dancing at our backs

Flip a coin / Make a wish / and the goddess might just blow a kiss
Boy I’d say your fortune’s looking good

Le-et your love shine as bright as the lights in this whole wide wonderful world
Jump with me / (grab) coins with me / Oh yeah!

Together we can live our dreams /
This love is what it seems /
So keep your chin up as you trek alone/
And when the tears they start to fall /
There’ll be no need to fear ‘cause /
I’ll be your 1UP girl

So let’s all jump up super high / and high five in the sky /
There’s no power-up like da-a-ncing /
You know that I’m the superstar /
No one else can take you this far /
I’m flipping the switch / are you ready for this /
Oh, let’s do the Odyssey

Odyssey, ya see!

Dopo alcuni cambiamenti, è stato realizzato un video di prova (che trovate in chiusura di notizia) che è stato mostrato allo staff in Giappone.

Il feedback ricevuto è stato chiarificatore, facendo notare che nella canzone c’erano troppi riferimenti a Mario per consentire di immedesimarsi anche alle persone che non conoscevano la serie.

Dopo alcuni tentativi e modifiche, si è giunti alla versione finale, utilizzata anche in Giappone e con le voci originali giapponesi sbloccabili.

Potete leggere il post completo sulla questione qui.

Super Mario Odyssey è già disponibile su Nintendo Switch.

Antonino

Con il joypad in mano fin da quando aveva 5 anni, ai tempi della PlayStation One, è laureato in Scienze della Comunicazione con specialistica in Editoria. Grande appassionato di cinema, doppiaggio, letteratura e videogiochi, lo chiamano internauta videoludico, o giocatore incallito.