Xbox Live Creators Program – Ecco i primi giochi indie disponibili su Xbox One grazie al nuovo progetto Microsoft

Xbox Live Creators Program – Ecco i primi giochi indie disponibili su Xbox One grazie al nuovo progetto Microsoft

All’inizio di quest’anno alla Games Developers Conference (GDC) 2017, Microsoft ha annunciato l’Xbox Live Creators Program, un nuovo sistema che permette agli sviluppatori indipendenti di pubblicare velocemente i titoli su Xbox One. A differenza del programma ID@Xbox che ha proprio processo di approvazione del concept, dei limiti e delle procedure, il Creators Program è stato istituito per offrire una linea più diretta alla piattaforma Xbox e a quello che può offrire in termini di catalogo e parco titoli.

La prima ondata di titoli del Creators Pogram è già arrivata su Xbox One, tramite l’Alpha Ring dell’Xbox Insider Program. Accessibile attraverso una sezione dell’Xbox Store chiamata “Creator’s Collection”, i giocatori possono ora giocare a sei titoli indie pubblicati dai primi partecipanti al programma. Al momento sono disponibili tre titoli a pagamento e tre titoli gratuiti, come indicato di seguito e come potete vedere anche nell’immagine in apertura di notizia:

  • Whispers in the Dark
  • Stereo Aereo
  • Animal Rivals
  • Derelict Fleet
  • Space Cat!
  • Solitaire HD

Come dichiarato da Chris Charla, direttore dell’ID@Xbox, i giochi pubblicati attraverso il Creators Program ricevono notevolmente meno attenzioni e rifiniture rispetto ad altri titoli di Xbox One. Mentre gli sviluppatori ID@Xbox sono soggetti a vincoli legali e hanno un rapporto più stretto con Microsoft, la nuova Creator’s Collection è più libera, essenzialmente aperta a tutti. I giochi dovranno allinearsi a determinate politiche di contenuto, ma in ogni caso questi nuovi titoli segnano l’inizio di un modo di creare giochi per console più accessibile, simile al mercato delle app mobili.

Sono stati segnalati alcuni problemi di stabilità dei titoli della Creator’s Collection. E’ vero che ciò potrebbe essere dovuto alla natura “work in progress” del progetto e dei giochi indie, ma è anche vero che d’altra parte non dovrebbe essere possibile pubblicare giochi lacunosi su una piattaforma comunque rodata e patrocinata da un big del mercato videoludico.

In ogni caso il progetto di Microsoft potrebbe realmente portare a una svolta nel mondo dei videogiochi. Rimanete sintonizzati.

Antonino

Con il joypad in mano fin da quando aveva 5 anni, ai tempi della PlayStation One, è laureato in Scienze della Comunicazione con specialistica in Editoria. Grande appassionato di cinema, doppiaggio, letteratura e videogiochi, lo chiamano internauta videoludico, o giocatore incallito.