Un esodo di massa? Le dimissioni di quattro sviluppatori giapponesi…

Isamu Kamikokuryo

È vero, c’è stato il primo aprile di mezzo, ma tutto sembra confermato: nel corso di questi ultimi tre giorni si sono susseguite notizie interessanti in merito ad alcuni importanti sviluppatori giapponesi che, stando alle dichiarazioni, hanno lasciato le rispettive (e prestigiose) case di produzione.

Si è cominciato con Soichiro Morizumi (Namco x Capcom, Super Robot Wars, Project X Zone etc.), che su Twitter ha annunciato di aver concluso la sua esperienza con Monolith Soft:

Mi sono dimesso da Monolith Soft oggi, 31 marzo. Grazie mille per avermi seguito nel corso di questi 14 anni […] Sono intenzionato a restare all’interno del settore, quindi vi aspetto in occasione del prossimo gioco… un giorno o l’altro

Hanno fatto seguito Yoshinori Yamagishi, produttore di Star Ocean e Valkyrie Profile per Square Enix, e Isamu Kamikokuryo, attivo come concept artist su svariati titoli della saga di Final Fantasy sempre per Square:

Si tratta di una scelta improvvisa, ma mi sono dimesso da Square Enix il giorno 31 marzo, ritirandomi anche come produttore di Valkyrie Anatomia.” ha dichiarato Yamagishi “Mi auguro di produrre presto un nuovo gioco da qualche altra parte in futuro, quindi ricordatemi di me quando sarà il momento...”

Kamikokuryo ha poi annunciato “Ieri, 31 marzo, mi sono dimesso da Square Enix. Sono trascorsi poco più di 18 anni da quando mi sono unito alla compagnia nel 1999. È stata un’esperienza eccezionale, da quando cominciati a lavorare per Final Fantasy X fino a Final Fantasy XV

L’ultimo in ordine di tempo è stato Koji Ishitani, co-produttore di Project X Zone e Project X Zone 2, che ha lasciato Monolith Soft con questo annuncio:

Alla fine della scorsa settimana, il 31 marzo, mi sono dimesso da Monolith Soft dopo 16 anni di lavoro. Ho lavorato a Xenosaga Episode I, Baten Kaitos: Eternal Wings and the Lost Ocean, Super Robot Taisen OG Saga: Endless Frontier EXCEED e Project X Zone 2, ma voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno supportato e hanno lavorato con me, soprattutto coloro che hanno giocato a questi titoli!

In Giappone il 31 marzo si apre il nuovo anno fiscale, e dunque non sorprende troppo che i dimissionari abbiamo scelto proprio questa data per lasciare le case di appartenenza. Il numero di autori coinvolti e la coincidenza cronologica sembrano tuttavia piuttosto interessanti… che qualcosa di nuovo stia bollendo in pentola?

Cercheremo di tenervi aggiornati!

Ilya Muromets
Che poi, a ben vedere Cutie Honey era tipo la Edwige Fenech dei giapponesi.