Gamecaster rende felici gli appassionati streamer

razer

Personalmente ho sempre avuto una difficoltà tremenda a guardare gli altri giocare un titolo potenzialmente interessante, se sono nella stessa stanza di una console e il pad non è in mano mia iniziano i fremiti e il desiderio di picchiare il (s)fortunato videogiocatore di turno per prendere il suo posto.

So che c’è tutto un mondo là fuori che non la pensa come me, però, al punto che ogni tanto mi arrivano voci di gente che si guadagna lo stipendio con live stream delle proprie partite (in genere a qualche MOBA, ma penso anche alle speed run o alle 1lv challenge di qualche jRPG particolaemente tosto): proprio a loro – o a eventuali imitatori – sembra indirizzato questo nuovo software di live-streaming professionale (almeno potenzialmente) di Razer, Gamecaster.

Di seguito il comunicato dell’azienda che vi spiega un po’ meglio le caratteristiche del programma. Vi anticipo solo che la licenza Pro avrà un costo di €13,99 per tre mesi o di €36,99 per un anno.

Razer, leader mondiale in periferiche e software per gamer, ha lanciato Razer Cortex: Gamecaster, un software di live-streaming pensato per i gamer. Gli utenti saranno in grado di trasmettere in diretta le proprie sessioni di gioco su network come Azubu, Twitch, e YouTube Live.

Tutti gli strumenti e le impostazioni di trasmissione sono disponibili durante la sessione di gioco grazie a un menu in sovraimpressione che scompare automaticamente se non utilizzato. Un accesso semplificato alle combinazioni di scelta rapida consente ai gamer di lanciare lo streaming, registrare in locale il gameplay, azionare la webcam o salvare uno screenshot senza mai distogliere l’attenzione dal gioco.

Razer Cortex: Gamecaster ottimizza automaticamente le impostazioni di streaming sulla base della configurazione del PC e della connessione internet per garantire le migliori prestazioni possibili. Gli streamer possono inoltre configurare manualmente i settaggi per regolare la qualità della trasmissione a loro piacimento.

Diecimila beta tester hanno contribuito a creare un’user experience fluida che permette ai gamer di trasmettere il gameplay in quattro semplici passaggi.

“Dopo una fase beta ricca di preziosi suggerimenti da parte degli utenti, siamo fiduciosi del fatto che Razer Cortex: Gamecaster sia il software di broadcasting più intuitivo sul mercato”, dichiara Min-Liang Tan, co-fondatore e CEO di Razer. “Molti gamer hanno apprezzato il nostro lavoro ed è anche grazie al loro apporto che siamo riusciti a rendere Gamecaster una soluzione software di streaming user friendly”.

Esistono due versioni di Razer Cortex: Gamecaster. Entrambe disponibili con il software Razer Cortex, che ad oggi conta più di 11 milioni di utenti. Con la versione free gli utenti potranno trasmettere il gameplay gratuitamente e senza watermark a risoluzioni fino a 720p. Lo streaming a risoluzioni superiori sarà possibile gratuitamente con la presenza di un watermark Razer non invasivo.

Attivando una licenza Pro a pagamento, gli utenti hanno accesso a funzionalità premium avanzate come qualità più elevata e minore impatto sullo streaming grazie al codec x264, annotazioni sullo schermo e gli strumenti chat di Twitch.

Gli abbonamenti a Razer Cortex: Gamecaster Pro sono disponibili sotto forma di licenza trimestrale e annuale. Per maggiori informazioni e per scaricare gratuitamente Razer Cortex, visitare http://www.razerzone.com/cortex.

Riccardo
Sono una persona comune. Nato in una famiglia comune, ho ricevuto una comune educazione, ho una faccia comune, prendo voti molto comuni e penso cose comuni. Videogioco dacché ho memoria, sonaro d'elezione ma non mi piace perdere tempo a ribadire l'ovvio. Quando arrivo alla current gen, è sempre troppo tardi.