Street Fighter V e la chioma Didò di Ken Masters

Street Fighter

Sono da sempre un buon estimatore di Street Fighter, ma c’è poco da fare, la deriva tridimensionale e pupazzosa intrapresa a partire dal IV episodio della serie non mi è mai andata troppo giù. E sì che ci voleva del gran talento, per rovinare e banalizzare dei concept design originali così brillanti. In ogni caso, in questi frangenti l’opinione del singolo conta poco, e non stupisce che l’ormai imminente pubblicazione di Street Fighter V (lo si prevede, ricordiamolo, per il 16 febbraio) sia accompagnata da una pletora di anticipazioni di vario genere.

A quanto sembra, da qui alla release ufficiale Capcom pubblicherà una serie di trailer di presentazione dei 16 personaggi che comporranno il rooster iniziale del titolo. Differentemente dalla precedente serie di video, in questo caso i protagonisti vengono mostrati nelle loro più caratterizzanti peculiarità tecniche. Il primo personaggio è Ken, che in Street Fighter V ha abbandonato il suo classico total red per abbracciare una blanda filosofia lumbersexual, appena mortificata dalla consistenza di pongo della chioma.

In attesa dei prossimi video, intanto, godetevi questo:

Ilya Muromets
Che poi, a ben vedere Cutie Honey era tipo la Edwige Fenech dei giapponesi.